A Monterotondo con Montegrappa edizioni: Nocera Ombrosa e Mauro Carpa finalisti nel concorso letterario “metti un racconto a cena”.

La manifestazione di premiazione del concorso “metti un racconto a cena” edita da Montegrappa edizioni si è svolta il 26 Ottobre a Monterotondo, località nell’ entroterra laziale ricca di colline verdeggianti e di borghi arroccati su attrattivi cucuzzoli non solo per vetuste esigenze pratiche difensive, ma soprattutto per arginare il debordare delle acque che anticamente modificava radicalmente la morfologia del territorio. Presenti aspiranti scrittori da tutta Italia e persino dalla lontanissima Germania, con altissima qualità degli scritti e con sorprese inaspettate tipo il bellissimo racconto del tredicenne Giovanni Laricchia dal titolo “il mondo senza”. Certo gli scritti scelti nell’ inclusione antologica del volume sono tutti intriganti, innovativi e originali. Vediamo come presenta l’introduzione il direttore artistico Anna Ludovici che ha curato la selezione del materiale: una girandola di racconti ci accompagnerà in questa lunga cena letteraria: pennellate di natura, ricordi e sogni, visioni inquietanti, angeli e quasi suicidi…Humor e fantasia, leggerezza e corposità, un vagare trionfante, a volte insolente, mai noioso, tra i meandri della mente e dell’ anima dei nostri scrittori, che vi terranno compagnia, facendovi a volte riflettere, a volte sorridere, emozionarvi e stupirvi in questo lungo pasto serale. Buon Appetito! Il concorso è stato articolato come una sfida: riusciranno i nostri aspiranti scrittori a intrigare in uno spazio ristretto di sole due pagine i nostri commensali serali? La risposta è scontata, visto che la giuria, a causa della qualità elevata dei lavori pervenuti, si è vista costretta ad ampliare il podio a tre posti per farlo diventare di sei! Questa volta il detective più famosi di Collemosso (ovviamente non si deve sapere che questo particolare segugio abita a Colle di Nocera Umbra in realtà, ndr) deve risolvere un difficile caso di corruzione che vede coinvolto l’assessore alla cultura di Nocera Ombrosa (anche qui non si deve sapere che nell’ evocazione dell’ universo carpesco, questa località è la proiezione reale di un CAP realmente esistente, nello specifico 06025 ma non solo, ndr) il petulante Rocco Tamburini, in quel di Spoleto. La sfida mette in evidenza le suggestive bellezze di una località realmente esistente, Castagneto Alta, ma anche la sua dimensione isolata dovuto a un estraneante spopolamento e inutile dire che il crimine di cui si parla nella narrazione è funzionale per mettere in evidenza solo la cornice esterna dei luoghi in cui vive il detective, alter ego catartico dell’ autore. Mauro Carpa in Umbria si impone all’ attenzione dei critici nel luglio del 2018, vedi ad esempio https://www.umbriaway.eu/2018/07/08/premio-hombres-itinerante-e-cdg-ii-e-ultima-puntata-ringraziamenti/, anche se ufficialmente il CARPA DIEM romanzo presente in rete, con una avventura che lo coinvolge a Torino, lo battezza ufficialmente molto prima. Poi nel Settembre 2019 questa proiezione sgangherata dell’ autore fa di nuovo capolino, vedere per esempio il primo posto di Rieti https://www.umbriaway.eu/2019/09/15/premi-letterari-a-rieti-con-montegrappa-edizioni-il-cap-06025-sale-sul-podio-con-lo-strano-caso-del-grifone-di-giada/ e ora il detective continua a far parlare di sé con l’investitura ufficiale della premiazione di ieri. Che dire? Certi personaggi stanno in piedi da soli una volta che dopo mille vagiti vengono messi in pista. Tutto il ciclo di Carpa è accompagnato da una terribile presenza, quella del DRAGO, rappresentazione simbolica del terremoto, che con il suo aforisma principe, la minaccia é più forte dell’ esecuzione, promette potenziali disastri ogni volta che si risveglia da quei dieci-quindici anni di letargo. Se per la cultura occidentale il drago è da interpretarsi come qualcosa di malvagio e demoniaco, in questo racconto compare l’altra versione dell’ ossimoro, quella benefica della culturale orientale, che vede nel drago una creatura mitologica portatrice di fortuna e di buoni auspici, come sarà chiaro dalla lettura del racconto. A noi che lo abbiamo scritto questo noir gratta e vinci dal titolo IL RISVEGLIO DEL DRAGO piace molto, ma con spirito critico devo riconoscere che questa volta i miei colleghi hanno fatto meglio per entrare sul podio! Ecco l’incipit letto durante la premiazione per torturare (o allietare) i presenti:

Castagneto Alta è una Ghost Town situata a 1400 metri sopra Spoleto sulle falde del Monte Cattivo. Con quel nome sul navigatore avrei fatto bene a valutare seriamente di muovermi con maggiore cautela in un terreno per me sconsacrato, ma del resto che pericoli avrei potuto correre in un paesino con 4 case isolate che un tempo era stato una ridente località turistica e che solo ad Agosto riviveva i suoi fasti gloriosi grazie ad impavidi escursionisti? Con il senno di poi posso vedere con quale superficiale valutazione avevo trascurato il mio avversario, l’Assessore addetto ai beni culturali nella cittadina di Nocera Ombrosa, Rocco Tamburini. Un buon detective dovrebbe saper leggere i presagi, i tanti segni del destino che vengono sparsi davanti a lui come tante briciole di Pollicino, ma sulle insidie racchiuse in modo criptico dal cognome del mio potenziale carnefice, scoprii qualcosa solo nella tarda serata di quel Venerdì 17 maggio, quando di colpo entrando in un casolare segnato dal catasto a nome Tamburini, ricevetti una roboante colpo in testa che prometteva di mandarmi anzitempo al creatore. Quando mi risvegliai in uno scantinato buio e salmastro, capii che la triade rappresentata dal giorno del mese, più il cognome del mio indagato, più la località in cui si consumava il misfatto era tarata all’unisono per preannunciarmi una sicura tragedia, dal momento che la mia testa rimbombava esattamente come un tamburo. Non deve ingannare l’idea che ero entrato in una proprietà privata, dal momento che avevo regolare mandato da parte del Capitano Minniti, capo della caserma dei carabinieri di Nocera Ombrosa per operare come consulente esterno in virtù del fatto che Tamburini era il principale sospettato dell’omicidio di Egidio Capasso, noto gallerista locale, ritrovato morto due mesi prima nel suo atelier con la testa fracassata da un prezioso bucchero etrusco. Il tragitto che aveva portato all’identificazione del suo presunto assassino era stato tortuoso e solo grazie a quel colpo in testa subito da un attizzatoio capii che la pista che stavo seguendo era sempre stata azzeccata fin dall’inizio, in virtù di una successione di cause ed effetti in cui la pedina aveva finito per smaterializzarsi insieme a una preziosa collezione di ceramiche villanoviane, fino al momento in cui tutto era confluito verso quel casolare abbandonato. Di riflesso cercai l’arma, ma quando la nebbia confusa negli occhi svanì vidi nella penombra un gigante dissonante seduto di fronte che si trastullava con la mia Phantom. L’essere parlò…

Di sicuro essendo Mauro Carpa funzionale alle mie esigenze di divulgazione rispetto a qualche anomalia presente a Nocera Ombrosa, questa storia del noir appenninico è solo all’ inizio. Nel frattempo il plauso va come sempre a Montegrappa edizioni che ha saputo rivitalizzare con delle sfide avvincenti le necessità impellenti dei suoi autori nascosti nell’ oblio (certo per me è pià facile, avevo già brevettato la LETTERATURA CONDOMINIALE negli anni novanta) . Non solo finction, ma anche turismo perché quando si é invitati a celebrazioni ricche di eventi e di musica come quello di ieri (la premiazione articolata su più concorsi é durata tutto il pomeriggio) l’autore presente vede e conosce posti di cui non sospettava nemmeno l’esistenza! Nel frattempo Mauro Carpa che non vuole essere tumulato dalle forze del male senza combattere, ha già adocchiato la sua prossima performances, coming soon!




Il Coaching Sportivo. La mentalità vincente di un atleta, di Federico Di Carlo, &myBook edizioni

IL COACHING SPORTIVO. LA MENTALITÀ VINCENTE DI UN ATLETA di Federico Di Carlo, scheda internet https://www.andmybook.it/prodotto/il-coaching-sportivo-la-mentalita-vincente-di-un-atleta/, è una guida completa orientativa alle attività agonistiche finalizzata a raccogliere il massimo dalla pratica sportiva che è irta di difficoltà e di insidie. Il cervello è quanto mai complesso da guidare verso un risultato finale da raggiungere attraverso una serie di complicati passaggi intermedi oltre alla pratica del campo: l’allenamento fisico non deve essere disgiunto dalle buone pratiche della mente, che fin da subito, quando si intraprende qualsiasi disciplina, deve essere veicolata verso una serie di buone abitudini. Fortunatamente l’insieme delle problematiche che possiamo ritrovari in qualsiasi sport come tennis, golf, tiro al piattello ma anche il gioco degli scacchi ad alto livello passano lungo una palude lastricate di insidie che bisogna conoscere. Ecco allora comparire la figura del mental coach che va riabilitata in mezzo a tutto il labirinto di guru salvifici, venditori di fuffa e graduati pseudo professionisti con le pareti ricche di riconoscimenti accademici che promettono risultati strabilianti come per le diete dimagranti. Leggendo questo manuale di pronta consultazione il praticante di sport desideroso di migliorare le sue prestazioni non perderà sette kg in sette giorni e non riuscirà chiudendo l’ultima pagina a diventare campione del mondo nella sua disciplina, ma alla fine avrà chiari tutta una serie di meccanismi che spiegano come funziona il cervello e la psicologia di una atleta quando è sotto pressione ed fortemente sollecitato a cercare alibi per i suoi insuccessi. La prestazione sportiva ha bisogno di un lavoro multidisciplinare di conoscenza a partire da chi investe per perseguire un risultato finale. La famiglia di chi pratica sport se abbiamo da seguire un ragazzo ricco di potenziale deve viaggiare all’ unisono con tutto il personale che ruota intorno al potenziamento della prestazione e quindi oltre alla fisiologia degli allenamenti seguiti magari da personale addetto sono necessarie risorse che sbloccano l’atleta dalle sue performances negative quando si presentano. Pensiamo solo alle formule di autosabotaggio che può mettere in pratica qualsiasi cervello quando è sotto pressione, in fondo se rievochiamo le scenate tennistiche di gente come il celebre John McEnroe o casi più moderni ancora recenti come quelli di una rinata Serena Williams che un tempo non disdegnava di spaccare qualche racchetta a terra inveendo contro l’arbitro, capiamo subito come queste strategie autodistruttive siano solo un modo per scaricare una intollerabile pressione interna di fronte a un risultato che sta per favorire l’avversario. Il mental coach deve fare un lavoro abnorme, in primo luogo di conoscenza contestuale di come e dove opera il suo protetto, se si stratta di un giovane atleta deve trovare subito una immediata simpatia con la famiglia che deve organizzare le competizioni per esempio, ma deve preoccuparsi dopo aver visto e visionato tutto il quadro generale anche di costruire una mentalità forte forte nell’ atleta che alla fine del percorso dovrà essere completamente autonomo dopo il trasferimento di conoscenza. Murray ad esempio dopo un lungo lavoro con Lendl aveva trovato una rigorosa stabilità, ma a connubio disciolto, il suo gioco ne ha risentito nelle prestazioni verso la prima posizione ATP. Del resto in una famosa finale persa a Wimbledon da Nadal contro Federer poi riscattata negli anni con gli interessi, lo spagnolo confessa di aver pianto amaramente ma di aver appreso da quella lezione qualcosa di importante. Semplicemente la sua testa era partita durante le giocate decisive dell’ ultimo spezzone di gioco. Perché? Successivamente la paura di perdere e la pressione esercitata dai doveri agonistici e dalla tensione profusa del pubblico è stato un problema su cui lo spagnolo ha lavorato riuscendo a isolarsi completamente da queste interferente interne ed esterne, concentrandosi solo sul saper fare e sul voler essere, l’unico modo per arrivare alla logica conclusione finale, quella della prestazione vincente. Le procedure del cervello vanno esplorate e i processi cognitivi conosciuti, la nostra macchina non è in grado di elaborare con profitto più di sette bit alla volta e spesso si focalizza sul bicchiere mezzo vuoto anzichè su quello mezzo pieno. Il mental coach ristabilisce questo squilibrio e porta il suo assistito a mostrare solo quello che necessita in un rapporto di causa ed effetto per raggiungere la meta finale. Non è di nessuna utilità pratica ripetersi il mantra non ce la posso fare una presupposizione che porta inevitabilmente a un non ce la farò finale e quindi alla inevitabile sconfitta, mentre è molto più utile pensare a comportamenti adattivi durante il gioco che portano a un cambio di prestazione, trasformando una calamità in una opportunità per superare magari il letale dritto lungo linea dell’ avversario con palle corte alternate a palleggi sul rovescio altrui per esempio. Pensiamo solo a che cosa deve fare un tennista quando impatta la palla in frazioni di secondo millesimali, a quale sforzo istintivo di tipo fisico-animale deve farsi carico andando a replicare con colpi veloci ed accurati, automatismi che sono in allenamento sono possibili schedulare e far propri nella psicosomatica delle sensazioni. Il mental coach lavora moltissimo sulle neuroassociazioni e sulla decostruzioni, favorisce la nascita di ancore emozionali vincenti, sa bene quando far leva sul suo assistito per svincolarlo da parallelismi nefasti, come una cattiva dialettica con se stessi ereditata dai modelli culturali imperanti che spesso portano gli sportivi all’ abbandono della pratica agonistica in una società che implora all’ atleta solo di superare il limite massimo senza fermarsi ai gradini inferiori. Saper fare e saper essere, lo sa bene chi incapace di superare i sei metri nel salto in alto trova però il modo di superare il suo record personale da 5 e 30 a 5 e 40, con inevitabile gioia e distruzione di un limite che importante per se stessi e portatore di autostima e fiducia in vista dei prossimi traguardi. Un mental coach avendo a che fare con la conoscenza di materie come antropologia sociologia e psicologia sa bene che nella scatola nera delle persone accadono dinamiche oscure che occorre riportare alla luce per rendere consapevole l’atleta. Lo sport porta valori, fare bene le cose a prescindere anche se son si supererà mai l’asticella al traguardo dei sei metri significa rendersi partecipi di un miracolo avvenuto prima di tutto con se stessi, del resto la cronaca sportiva è piena di campioni che nelle finali di tiro al piattello non sono riusciti a centrare il podio alla prima occasione, ma che nel corso del tempo con la pratica costante e l’allenamento intensivo, sono riusciti a diventare imbattibili nelle competizioni successive. Un libro completo ricco di riferimenti scientifici e delle ultime tendenze del coaching sportivo, un manuale utile anche per chi cerca un professionista serio che operi in favore dell’ atleta, un vademecum che ben si accompagna anche ai lavori precedenti dell’ autore, orientati a risvegliare nell’ agonista di qualsiasi branca quel quid in più in grado di fare la differenza quando c’è in gioco un risultato eclatante. E se condideriamo che in fondo anche la vita di tutti i giorni non è altro che una competizione sportiva, chiunque da questo libro-metafora potrà trarre suggerimenti utili anche per conoscere meglio se stessi e in ultima analisi a migliorare la qualità del suo vissuto. Federico di Carlo ha sicuramente messo in piedi un campionario completo e accurato sulla pratica sportiva finalizzata al risultato, ricco di riferimento bibliografici e delle ultime novità scientifiche sviscerando un labirinto complesso, dove viene offerto al lettore una formula di orientamento per ritrovare la navigazione corretta verso porti sicuri. Il profilo dell’ autore di può raggiungere qui: https://www.andmybook.it/staff/di-carlo-federico/ mentre sul prodotto libro siamo allineati come sempre a un ottima percezione, tanto per restare in tema. Impeccabile infatti come sempre la confezione del prodotto curata da https://www.andmybook.it/pubblicare-libro-book-on-demand/ costola di Caravaggio editore, indirizzo internet: https://www.facebook.com/pubblicarelibrobookondemand/ .