Lo strano caso del grifone di giada, Mauro Carpa da Nocera Ombrosa colpisce ancora!

Il fascino dei Sam Spade e del suo autore Dashiell Hammett (perseguitato dal maccartismo e morto nella miseria, questo non va dimenticato, personaggio che di guerre ne aveva attraversate due da protagonista attivo) poi convertito in chiave cinematografica con il mistero del falco dove compare il prototipo di investigatore sferra pugni anni trenta Bogart con la sua sigaretta agli angoli della bocca, tutto il caos provocato dal falcone maltese pubblicato a puntate nella celebre rivista the Black Mask negli anni trenta che fece la fortuna di molti scrittori esordienti poi diventati immortali, non deve ingannare con la quinta affermazione annuale di Umbriaway Consulting che catapulta per la terza volta fuori dai confini regionali la cupa Nocera Ombrosa e il personaggio di Mauro Carpa detective privato dalla concezione nichilistica ma propositivo nel risolvere casi impossibili, notato da un concorso della Montegrappa edizioni. Così come tributo a dei giganti sulle spalle dei nani, il falcone diventa il simbolo di Perugia, il famigerato rapace grifone, ma ciò non toglie che di fatto ci sia ben poco di lineare nello svolgimento della trama, esattamente come accadeva nelle sceneggiature corpose dei primi cult movie sul genere, dove un trambusto di personaggi comparivano sulla scena per fare tanto rumore creando confusione a go go! Ecco dunque come MC risolve brillantemente “lo strano caso del grifone di Giada“, dove il crimine non è finalizzato a smascherare il colpevole con una fine indagine da intellettuali elitari, ma funzionale solo a legittimare gli sfaceli delle miserie del sistema, ovvero la globalizzazione a pozzanghere liquide bce che tanto poco piace a Carpa come modello di sviluppo:

umbrianoir

Ero felice di aver scelto quel giorno particolarmente freddo per prendere quella decisione. Il caldo mi avrebbe ottenebrato la mente. Respiravo l’aria salmastra a pieni polmoni, mentre la City Eye di Salerno ruotava placidamente sul lungomare. Girai la testa verso Vietri, invidiandola.

– Beata te che sei sempre sul mare! – pensai tristemente. Arrivò in ritardo come sempre.

– Scusami! –

– Non preoccuparti. Mi stavo godendo il panorama. Camminiamo? –

– Certo! Ma lasciati baciare! Senza di te non so proprio come avrei fatto a risolvere il caso! –

Il caso a cui si riferiva era quello del grifone di giada, un antico manufatto fatto fare in Persia intorno al 1230 da Federico II di Svevia e finito all’asta da Christie’s per la modica cifra di 15 milioni di dollari. L’acquirente, un ricco magnate indonesiano esportatore di tessuti, di cui Vietri era la referente linguistica per le transazioni e la buona riuscita del business, però non aveva mai ricevuto alcunché essendo il prezioso gioiello sparito la notte precedente alla formalizzazione giuridica del cambio di proprietà. Ovviamente “il monco” un pericoloso pregiudicato residente a Salerno, un professionista nel settore, aveva tentato di far arrivare il grifone fino in Russia dove un mercante poco avvezzo alla fatturazione elettronica, aveva già predisposto come far arrivare nelle mani giuste l’oggetto a un misterioso collezionista. A mettere le mani sul monco ero stato io, ma la domanda che tutti a questo punto farebbero a Vietri potrebbe essere “spiegami perché tu e il monco siete nati entrambi a Salerno pur facendo attività diametralmente opposte, il criminale di rango lui e la traduttrice di lingue te medesima”, invece dissi soltanto:

– Ho portato i documenti da dare al tuo cliente, così può legittimare il passaggio di proprietà del grifone, qui trovi la copia del verbale dell’interrogatorio, dove il monco confessa di aver prelevato il prezioso cimelio e anche le testimonianze incrociate degli intermediari che hanno partecipato al colpo, manca solo il nome del committente, ma il monco è stato chiaro in proposito, dal suo punto di vista semplicemente non ci sono mandatari e ha agito da solo ma io non gli credo –

Le mie parole crearono una sacca di vuoto e tensione sulla sabbia che a quell’ora era poeticamente gremita da gabbiani in transito che ricordavano felici di correre nel cielo liberi e senza inganni, quanto poteva essere bella e semplice la vita. Vietri mi guardò sorridendo e io mi sciolsi come sempre quando lei entrava in modalità “io sono bellissima e tu sei mio, sia per avere quello che mi serve o anche per completare altro”. A quell’altro io non ci ero mai arrivato, anche se lo avevo sognato. La ragazza sui trenta era nel pieno della maturità di donna, con tutte le curve nel posto giusto e due stupendi occhi verdi fiammeggianti in risalto su una carnagione abbronzata impreziositi da superbi capelli corvini da strawamp. Avrebbe potuto fare qualsiasi cosa nella vita, soprattutto la modella, invece aveva scelto di essere soltanto una esperta linguistica per traduzioni internazionali e missioni specialistiche per le transazioni di affari. Qualsiasi tipo di affare. Anche quelli che sconfinavano nel campo delle intermediazioni su oggetti antichi di rilevanza storica planetaria. Mi parlò mentre prendeva i documenti che io gli porgevo:

– Allora vuol dire semplicemente che il Monco dice quello che dice e che non ci sono mandatari, sentenziò lei e comunque non ti ringrazierò mai abbastanza per quello che hai fatto, hai districato una bella matassa, ma come hai fatto ad arrivare al Monco e a recuperare l’oggetto? –

– Bè se ti sei rivolta alla Mauro Carpa investigazioni è perché non avevi dubbi sulla buona riuscita dell’operazione, altrimenti avresti il tuo cliente avrebbe ripiegato su una seconda scelta. Ti dico dopo, adesso accompagnami fino al parcheggio e godiamoci questo stupendo anfratto di città, da noi in Umbria abbiamo solo versanti appenninici intrisi di verde e anche agitati da insani tremori di sottofondo –, conclusi abbacinato da così tanta bellezza non certo riferita al paesaggio.

umbrianoirConoscevo Vietri dai tempi dell’università, l’avevo conosciuta in un campus e seppure ai tempi stessi cavalcando un onda completamente diversa dalla sua, con i miei studi in psicologia, il suo dialetto meridionale e garbato che la relegava a salernitana doc, aveva fatto breccia nel mio cuore e sulla mia rubrica telefonica, evidentemente anche per lei, perché dopo qualche anno mi aveva cercato per risolvere un problema non da poco. La spiaggia salernitana ci camminava a fianco sorniona ricca di aspettative. Il tramonto era uno spettacolo esclusivo da non perdere per chi sapeva decodificare la bellezza di esistere. Mancava poco al parcheggio, incominciai a preparare il gran finale.

– Certo che dal Monco non me lo aspettavo! Come supporto logistico per smaterializzare l’urna da Christie’s è andato a scegliere un ragazzino appena assunto come guardiano, prendendo in ostaggio la sorella. A farli parlare é stato un attimo anche se erano terrorizzati per le conseguenze, il Monco li aveva proprio spaventati a dovere. E comunque il lavoro sporco lo hanno fatto una ciurma di rumeni poco affidabili, con dei tatuaggi sul collo fin troppo riconoscibili, da lì incrociando con l’interpool il database dei criminali in attività siamo risaliti alla banda, che però era stata contattata solo con una transazione via internet. Insomma una missione suicida piena di pecche, alla fine uno dei rumeni scaltro nel campo della sicurezza informatica è entrato nel computer del geometra Carletto Sinagra, in arte il Monco, raffinatissimo fuorilegge noto per il suo codice etico, con residenza a Salerno e lo abbiamo costretto a spifferare. Ma soprattutto abbiamo recuperato il “pacco” sulle sponde del Danubio prima che scomparisse per sempre. Ma ancora qualche conticino non torna…-

Nel frattempo eravamo arrivati al parcheggio e lei mi consegnò la busta con i diecimila euro concordati in pezzi da 500 come parcella per il lavoro eseguito in tempi ultrabrevi, avevamo concluso l’inchiesta in meno di un mese. Chi l’aveva mai visti pezzi di filigrana così corposi in termini di valore? Di questi due terzi se ne erano andati solo per le spese vive, per lubrificazione di ingranaggi e conoscenze specialistiche e costi di viaggio. Pazienza quello che rimaneva era una miseria, ma la mia azione di attacco alla giugolare di Vietri non era finita:

-Vedi c’è proprio una cosa che non mi va giù, questa cosa del tassello finale, manca la supermente criminale che ha messo in piedi questo business!-, dissi giunto ormai a ridosso della mia scassatissima seicento grigia, che avevo trascinato fino a Salerno partendo da Nocera Ombrosa.

-Semplicemente non c’è quindi non ci pensare goditi il tuo meritato compenso!-, disse lei ammiccando ma inaspettatamente giunse a interrompere il siparietto una gazzella dei carabinieri dal quale scese un signore alto gentile che si presento come capitano Minniti. Vidi Vietri sbiancare mentre lui articolava la logica conclusione di quel dramma teatrale:

-Adele Vietri? Cortesemente dovrebbe seguirci in caserma, abbiamo recuperato il vero grifone di Giada in una cassetta di sicurezza a Bucarest intestata alla signora Cezarina Ionesco, abbiamo recuperato anche i video dei sistemi di sicurezza, seppure leggermente ritoccata e con i capelli biondi e occhiali scuri abbiamo l’assoluta certezza che lei la scorsa settimana aveva predisposto uno scambio tra grifoni in zona Danubio, con modalità che adesso ci spiegherà meglio in questura –.

La vita può essere crudele a volte, lei continuava ad essere bellissima anche da criminale e anche se ostentava adesso delle emozioni di odio istintive nei miei confronti con il suo grazioso musetto, io non ero turbato, ma nel mio lavoro non sopporto di essere raggirato. E comunque Salerno continuava ad essere stupenda, malgrado tutto.