Itinerario trekking Monte Cucco, Val di Ranco, località Sigillo: una avventura di Frodo Baggins e della compagnia dell’ anello o del CAI di Gualdo Tadino?

a cura di Fabiola Bisciaio

fabiola bisciaio ceramica umbria

Nessun percorso accidentale verso il monte Fato o battaglie cruente con il terribile Sauron per fortuna ma solo un senso di benessere e tranquillità che si ha quando ci si immerge nella natura…sensazione rigenerativa indescrivibile! Questi non sono i viaggi spaziali della famosa Ncc1701A di startrekkiana memoria ma le scorribande picaresche della appassionata di TREKKING Fabiola B! Ma lasciamo parlare la diretta interessata: la sensazione di ricarica batterie che si ha a contatto con la natura é ciò che accade quando mi spingo là, dove molti sono giunti prima! (cit riveduta e corretta da Star Trek, ndr). Oggi vi racconto la mia”passeggiata” a Monte Cucco (parco sito nel comune di Sigillo, in provincia di Perugia). fabiola bisciaio ceramica umbriaCol mio “pandino” nero ho raggiunto Val di Ranco (quota 1050 m). Come recita wikipedia, la Val di Ranco è una località turistica che si trova in Umbria, nel comune di Sigillo, nella provincia di Perugia e si trova al confine con le Marche dove sorge l’area protetta dell’ Parco nazionale del Monte Cucco, meta di molti escursionisti. Da alcuni anni si tiene il torneo nazionale del deltaplano che richiama molti appassionati da tutto il mondo. Ho iniziato il percorso attraverso sentieri che si inoltrano tra vasti boschi di faggi plurisecolari. Stupendo è il bosco denominato la MADRE DEI FAGGI. Da lì, con alcuni amici, siamo arrivati ….sempre attraverso sentieri magici e misteriosi, alla CROCE DEI FOSSI, cioè un incrocio tra il fosso proveniente dal Val di Ranco con il RIO FREDDO, che nasce nella valle di San Pietro. Costeggiare e guadare, in alcuni tratti,questo corso di fiume, è stata un’esperienza divertente e avventurosa; infatti il letto del fiume, quasi asciutto in questo periodo dell’anno, era quasi totalmente ricoperto da fogliame che rendeva piuttosto”pericoloso” il percorso. fabiola bisciaio ceramica umbriaComunque…bastava alzare gli occhi e vedere questi faggi, alcune macchie di agrifoglio e di tasso, per abbandonare la paura e riprendere l’armonia del cammino. Risalendo siamo arrivati a PASSO PORRAIA, una radura sassosa e molto ventosa. Questo luogo ospita la tomba di Don Erminio Petruio. Mi sono documentata e qest’uomo fu molto amato dalla gente locale. Fu insegnante di matematica e partecipò alla seconda guerra mondiale; fu partigiano e fu molto attivo nelle attività sportive, scalando montagne e prendendo parte a spedizioni speleologiche all’interno di Monte Cucco. fabiola bisciaio ceramica umbriaPasso Porraia è famoso anche per i fossili antiche che si incontrano scavando nel terreno. Siamo ritornati indietro e percorso a ritroso il tragitto già fatto..con una piccola deviazione: siamo giunti alla FONTE ACQUA FREDDA, congiunzione tra il sentiero 229 e il sentiero 225, terreno pietroso e accidentato solcato da uno dei tanti affluenti del Rio Freddo. Eccoci di nuovo al parcheggio! Stanca…ma già desiderosa di intraprendere un nuovo cammino!!! Il trekking è una mia grande passione insieme alla ceramica. Per questo motivo, occasionalmente, mi accingo a unire le due passioni creando piccoli gadget simpatici e creativi! Bè dovrei aggiungere un lungo sermone appassionato sul monte Cucco ma Wiki come al solito é generosa: Il monte Cucco (1.566 m s.l.m.) è una montagna situata in Umbria, lungo l’Appennino Umbro-Marchigiano, nell’area dell’eugubino, compreso nel territorio dei comuni di Costacciaro, Scheggia e Pascelupo, Fossato di Vico e Sigillo. fabiola bisciaio ceramica umbriaDal 1995 è divenuta area protetta con il nome di Parco del Monte Cucco, famoso per molte delle sue caratteristiche morfologiche. Il massiccio del Monte Cucco, composto quasi interamente da calcare massiccio, in passato fu interessato da grandi fenomeni di carsismo sia per infiltrazione di acque superficiali, sia soprattutto per risalita di acque sulfuree che hanno creato centinaia di grotte e cavità.La più grande e famosa è la Grotta di Monte Cucco, che con i suoi circa 35km di sviluppo e -922 metri di profondità, è una delle grotte più grandi d’Italia. La presenza di questa grotta è conosciuta da secoli, in quanto l’ingresso est è ben visibile dalla vallata sottostante. See you soon dear friends! Al prossimo itinerario, segnalando http://www.caigualdotadino.it

Fabiola Bisciaio, artigiana locale, dopo aver effettuato studi scientifici, ha iniziato la frequentazione dell’ accademia di belle arti a Perugia. Da “grande” si è avvicinata al mondo della ceramica, seguendo corsi di formazione sia a Gualdo Tadino, sia a Deruta. Dalla tradizionale maiolica, ha eseguito anche lavori con tecniche nuove come la ” cuerda seca”, di origine spagnola. Fabiola Bisciaio ceramica in Umbria é presente con numerosi articoli tecnici sul portale Umbriaway ed è contattabile alla sua pagina Facebook all’indirizzo: https://www.facebook.com/fabilandia.fabilandia o anche all’ indirizzo https://www.umbriaway.eu/fabiola-bisciaio-ceramica-umbria/!




Al BRILLO PARLANTE con la ceramica di Fabiola Bisciaio: brevi cenni storici sulla ceramica

ceramica umbriaNei 3 precedenti appuntamenti si è parlato della tecnica della “cuerda seca“, del bucchero etrusco e della ceramica villanoviana. Presa dall’entusiasmo dato dalla partecipazione a questi corsi, non ho seguito un ordine logico e cronologico. E’ ora di fare ordine!!!! Comininciamo ” dall’inizio”e quindi dall’origine della ceramica. L’argilla, la terra modellata dalle mani dei primi uomini, fatta seccare al sole e cotta in rudimentali fuochi, è il primo esempio di quella che sarà chiamata ceramica( Keramos è il termine ellenistico). Quindi per la ceramica sono necessari questi 3 elementi: 1) la terra 2) l’arte dell’uomo 3) il fuoco. Queste ” terrecotte”, realizzate esclusivamente con l’argilla, non riuscivano a contenere i liquidi che vi erano posti e quindi l’esigenza di un’ invetriatura di questi oggetti per renderli impermeabili. In epoca egiFabiola Bisciaio Ceramica Umbriazia ci fu questa invetriatura della terracotta cioè la rivestivano con un vetro.In seguito in Grecia la ceramica comincia ad essere considerata non più solo come oggetto necessario alla vita quotidiana, ma una vera e propria forma d’arte. In Italia notevole pregio l’ebbe, come abbiamo detto copiosamente negli articoli precedenti, la produzione Villanoviana e soprattutto Etrusca con i suoi Buccheri. Contemporaneamente in Medio Oriente nasce quella ceramica che è a noi più affine cioè la MAIOLICA, consistente in oggetti di terracotta rivestiti da uno smalto opacizzato molto brillante. Sempre in questa area si diffonde la tecnica del “Lustro”, ossia la decorazione con ossidi o solfuri che cotti in ambienti riducenti, cioè all’interno della camera di cottura si riduce fortemente l’ossigeno, rende ai colori un particolare effetto metallico. Nell’Alto Medioevo si diffonde l’uso dell’Engobbio, cioè si applicava sull’argilla il bianchetto( una via di mezzo tra uno smalto e l’argilla bianca) e poteva essere graffito; il fondo bianco così ottenuto veniva in un secondo tempo decorato e invetriato. Successivamente si diffonde in Italia la tecnica delle decorazioni a lustri metallici, che raggiunse il massimo splendore con mastro GIORGIO da GUBBIO. Nello stesso periodo iniziarono ad apparire i primi esempi di maiolica italiana. Ma è nel ‘500, in pieno Rinascimento, che la maiolica trova la sua maggiore espressione artistica e diffusione. Centri come Faenza, Urbino, Deruta, Gubbio, Montelupo, Genova, Palermo e Caltagirone divengono noti per la produzione di bellissime maioliche policrome. Nei due secoli successivi, in età barocca, gli stili cambieranno, ma la tecnica di base rimarrà sempre la stessa: foggiatura, biscottatura, smaltatura e cottura finale.fabiola bisciaio ceramica umbria E queste fondamentalmente sono le caratteristiche della ceramica…sempre uguali, nei secoli.

Fabiola Bisciaio, artigiana locale, dopo aver effettuato studi scientifici, ha iniziato la frequentazione dell’ accademia di belle arti a Perugia. Da “grande” si è avvicinata al mondo della ceramica, seguendo corsi di formazione sia a Gualdo Tadino, sia a Deruta. Dalla tradizionale maiolica, ha eseguito anche lavori con tecniche nuove come la ” cuerda seca”, di origine spagnola. Prossima inagurazione: “Brillo Parlante” a Nocera Umbra dove sono esposte le sue opere in ceramiche sia in maiolica con la serie di “donne” e “Madonne”e sia in “cuerda seca“.