Introduzione di myAHAHlib.js

Consideriamo con formazione informatica Umbria il seguente listato:

function callAHAH(url, pageElement, callMessage) {
document.getElementById(pageElement) . innerHTML = callMessage;
try {
req = new XMLHTTPRequest(); /*es Firefox */
} catch (e) {
try
req= new ActiveXObject(“Msxml2.XMLHTTP”); /*es IE any version*/
} catch (E) {
req = false;
}
}
}
req.onreadystatechange = function() {responseAHAH(pageElement);};
req.open(“GET”,url,true);
req.send(null);
}

function responseAHAH(pageElement) {
var output = ”;
if (req.readyState ==4) {
if (req.status == 200) {
output = req.responseText;
document.getElementById(pageElement).innerHTML = output;
}
}
}

la funzione callAHAH() incapsula le operazioni per la creazione di una istanza dell’ oggetto XMLHTTPRequest, per la dichiarazione della funzione di callback e per l’invio della richiesta. Si noti che invece di dichiarare semplicemente

req.onreadystatechange = responseAHAH;

é stato utilizzato il costrutto JS
req.onreadystatechange = function() {responseAHAH(pageElement);};

questo tipo di dichiarazione consente di passare un argomento alla funzione dichiarata, in questo caso identificando l’elemento di pagina da aggiornare. callAHAH() accetta anche un ulteriore argomento, callMessage, che contiene una stringa per la definizione del contenuto che deve essere visualizzato nell’ elemento di destinazione mentre si attende il risultato della richiesta al server. In questo modo si offre all’ utente un certo grado di feedback, avvertendolo che qualche cosa sta accadendo nella pagina. In pratica questo avviso potrebbe essere una riga di testo personalizzata:

‘aggiornamento pagina attendere prego’

Tuttavia ancora una volta si può decidere di inserire nella stringa il codice HTML. Utilizzando una GIF animata all’ interno di un elemento IMG si offre un modo efficace per avvertire l’utente che é in corso un processo. La funzione di callback responseAHAH() esegue l’operazione specifica di applicazione della stringa restituita nella proprietà responseText alla proprietà innerHTML dell’ elemento di pagina pageElement selezionato:

output = req.responseText;
document.getElementById(pageElement).innerHTML = output;

questo codice é stato inserito in un file chiamato myAHAHlib.js che può essere chiamato da una pagina HTML, rendendo così le funzioni disponibili all’ applicazione AHAH. Adesso vediamo come usare questa libreria con Formazione Informatica Umbria.

Con Umbriaway Consulting vedremo ora come usare la nostra libreria per richiamare e gestire risposte testo. Il file precedente ora può essere inserito in uno script all’ interno della pagina HTML:

<SCRIPT language=”JavaScript” SRC=”myAHAHlib.js”></SCRIPT>

Si avrà quindi la libertà di chiamare le funzioni all’ interno dello script ogni volta che lo si desidera. Quello che segue é il codice sorgente di base di una pagina HTML:

<HTML>
<head><title>Ajax application</title>
<SCRIPT language=”JavaScript” SRC=”myAHAHlib.js”></SCRIPT>
</head>
<body>
<form>
<input type=”button” onClick=”callAHAH(‘serverscript.php?parameter=x’, ‘displaydiv’, ‘pagina in aggiornamento’)”>
Qui ci sarà la response parziale:<br>
<div id=”displaydiv”></div>
</form>
</body>
</html>

In questa semplice pagina HTMl viene utilizzato un elemento pulsante per creare l’evento che produce la chiamata del metodo callAHAH che inserisce la stringa di testo per l’attiso segnalazione processo ‘pagina in aggiornamento’ nell’ elemento <div> che possiede id displaydiv e invia la chiamata asincrona al server all’ URL serverscript.php?parameter=x. Quando responseAHAH() rileva che il server ha completato la risposta, il contenuto dell’ elemento <div> viene aggiornato utilizzando il valore memorizzato in responseText; invece di mostrare il messaggio “pagina in aggiornamento” oraq il DIV visualizza il testo restituito dal server. Ajax ricorda Formazione Informatica Umbria non é una tecnologia ma solo un modo performante di valorizzare standard già esistenti.




Concerti a Foligno con www.amicimusicafoligno.it

umbria culturaA palazzo Candiotti in largo Federico Frezzi N 4 06034 Foligno PG vi é una associazione che organizza incontri culturali e concerti, appunto www.amicimusicafoligno.it, info@amicimusicafoligno.it. Per esempio Domenica 13 Novembre alle ore 16 ci sarà un concerto dedicato a Ciro Scarponi. Chi é? E’ stato uno dei più grandi clarinettisti del secondo novecento, capace ed emettere un suono inconfondibile e personalissimo come riconosciuto dalla critica musicale internazionale (Stefano Ragni). Autentico innovatore della tecnica ha presentato numerossime prime esecuzioni assolute. Viene ricordato a dieci anni dalla sua scomparsa con focus prioritario sul suo novecento. Sempre all’ auditorium San Domenico il 4 dicembre sarà invece dedicato ai vincitori di concorsi internazionali e in particolare a Charles Richard-Hamelin pianoforte, medaglia d’Argento e premio Krystian Zimerman Varsavia 2015 che eseguirà Chopin Fryderyck in particolare Nottorno in si maggiore opera 62 numero uno, ballata numero tre in la bemolle maggiore opera 47, sonata numero tre in si minore opera 58 e molto altro. Con il secondo appuntamento chopiniano si chiude anche la stagione con il giovanissimo talento non ancora trentenne. Il concerto é preceduto dalla recitazione in lingua originale del poema il pianoforte di Chopin dello scrittore romantico polacco Norwid con voce del grande attore Jezry Radziwilowic. Quest’ anno ricorre l’anniversario 35 anni dell’ associazione amici della musica di Foligno che contribuisce ad arricchire il tessuto culturale della zona, la musica é vita e diventa una necessità arriva a dire il filosofo. Tutta la musica quella colta, quella popolare, quella che ti sorprende, ti coinvolge, quella che conosci e quella che impari ad apprezzare, un viaggio che deve attrarre e coinvolgere. Presidente dell’ associazione Giorgio Battisti informazioni dettagliate su http://www.amicimusicafoligno.it




Memorie dei Migranti un concorso video a Gualdo Tadino Museo dell’ Emigrazione

consulenza UmbriaIl museo dell’ emigrazione Pietro Conti si trova a Palazzo del Podestà e Torre Civica in piazza Soprammuro 06023 Gualdo Tadino PG Tel/fax 075 9142445 email: info@emigrazione.it, sito internet www.emigrazione.it.  In collaborazione con la RAI bandisce un concorso per la migliore testimonianza video sul tema dell’ emigrazione italiana all’ estero. Lo scopo dell’ iniziativa é quello di favorire il recupero e la sensibilizzazione della memoria storica dell’ emigrazione italiana dalla fine dell’ ottocento ai giorni nostri, nonché di favorire una attività di ricerca e di studio sugli aspetti storici, sociali ed economici legati all’ esodo. I video dovranno essere diretti ad illustrare il fenomeno migratorio attraverso storie individuali o famigliari o comunitarie considerando la possibilità di muoversi all’ interno di un tema variegato e ricco di sfaccettature (i motivi della partenza, viaggio, lavori emigrazione femminile, comunità all’ estero, integrazione, scontri e incontri culturali, il ritorno ed altro). Il concorso prevede l’ideazione e la produzione di un audiovisivo che tragga spunto dalla tematica migratoria italiana, il cortometraggio può essere svilupato a scelta tra i seguenti formati video: inchiesta reportage o documentario oppure finction o docufinction. C’é tempo fino al 31 gennaio per consegnare le opere presso il museo regionale dell’ emigrazione Pietro Conti e la premiazione avverrà venerdì 31 marzo 2017 con la proiezione dei tre video vincitori, ognuno per ciascuna sezione: scuole, master e andati in onda. Montepremi 1500 euro.




Oro verde a Gualdo Tadino

oro-verdeNon c’è Indiana Jones di mezzo e neanche qualche portentosa Major cinematografica, nella zona di Gualdo l’oro verde esiste sul serio, ne sanno qualcosa i gualdesi che per cinque settimane a partire da Venerdì 28 Ottobre si prodigheranno a valorizzare questa indispensabile risorsa locale. La Pro Tadino in collaborazione con il comune di Gualdo Tadino e in collaborazione con la Regione Umbria hanno messo in cantiere questa importante manifestazione che finirà per diventare un eventio corale coinvolgendo scuole, ristoratori per assaggiare prelibatezze locali, artigianato locale e valorizzazione del territorio con visite guidate ai frantoi della zona, davvero una manifestazione importante ben organizzata che si appresta a vivere i benefici dell’ oro verde. Certo non é che le altre zone dell’ Umbria siano prive di questa importante risorsa,solo che evidentemente dalle parti di Gualdo la coordinazione e il gioco di squadra danno buoni frutti a giudicare quello che promette questa edizione 2016. Per testare con mano se fu vera gloria basta solo partecipare alla kermesse anche senza Umbriaway Consulting e godersi le bellezze del territorio locale tra uliveti e frantori. In programma anche manifestazioni legate a escursioni e itinerari turistici con Harley Davidson che ha organizzato un raduno e mountain bike. Ci sarà anche una interessante tavola rotonda sul tema dei cambiamenti climatici e sull’ impatto che avranno sulla nuova economia del domani. Un evento magnificamente promosso che avrà sicuramente successo, attendiamo i numeri per confermare questa felice intuizione.




Web marketing Gualdo Tadino e il potenziale di sviluppo delle APP: vivi Gualdo!

web-marketing-gualdo-tadinoAbiti nei pressi di Gualdo Tadino e credi che la tecnologia con i suoi stravolgimenti possa portare concreti benefici di sviluppo all’ indotto dell’ economia locale rivitalizzandola? Bene allora questo post curato da web marketing Gualdo Tadino fa proprio al caso tuo perchè su Play Store ma anche su APP Store puoi trovare qualcosa di coinvolgente e performante che potrà portare qualità e interesse nonché visibilità al tuo business. Si certo il solito proclama per venderci qualcosa: trattasi di errata valutazione questa APP é gratuita e come si diceva prima rivitalizza il tessuto locale dell’ economia in questa zona ancora un pò verde come l’olio di stagione. All’ interno di questa APP troverai news, numeri utili, artigiani, cosa vedere, cosa visitare, attrazioni turistiche, cinema e tatro, vendo e compro chi più ne ha più ne metta sentenzia web marketing Gualdo Tadino. Forse il sogno di un tutto in una sola mano p’romosso dalla antica filosofia greca trova qui la sua massima esaltazione, avere tutti i servizi della tua zona a portata di mano oggi é possibile sentenzia web marketing Gualdo Tadino tutto quello che devi fare é andare sugli store prima menzionati e scaricare l’APP che ha anche un nome e cognome di circostanza: vivi Gualdo! Il punto esclamativo é doveroso per esaltare i portentosi strumenti messi a disposizione da questa APP all’ interno puoi anche trovare indicazioni su come partecipare alla valorizzazione del tuo BRAND per ora l’azione informativa di Umbriaway Consulting alias web marketing Gualdo Tadino si conlude qui in attesa di ricevere i vostri feedback sulle funzionalità espresse dall’ applicazione. See you later.




Foligno Noir e il realismo magico di Marquez

foligno noirGli scrittori raccontano di cose che conoscono questo é intuitivo non c’era bisogno di sottolinearlo con Foligno Noir. Marquez scrive l’amore ai tempi del colera ispirato e destabilizzato da vicende tratte in parte dalla storia dei suoi genitori. La vicenda si svolge a Cartagena in tardo ottocento primi novecento e racconta metaforicamente di una passione che viene bruciata come un morbo infetto appunto l’amore che diventa una sorta di colera che sullo sfondo miete vittime reali. Protagonisti Florentino e Fermina con lui che aspetta pazientemente la morte del marito per bruciare e consumare la sua passione amorosa a bordo di una nave che sventola la bandiera gialla del colera, al riparo dagli occhi del mondo nell’ epilogo dell’ opera. Cronaca di una morte annunciata é invece un romanzo innovativo di Marquez -giudizio opinabile a detta di Foligno Noir -dove la linearità della trama viene spezzata caoticamente da un racconto in soggettiva fuori asse temporale. La vicenda é estremamente complessa e ruota intorno a una donna disonorata nella sua presunta verginità. Obiettivo finale sottolinea Foligno Noir é ricreare quel quadro complessivo composto da tessere individuali che trovano una collocazione finale nel disegno generale. Con le storie di Macondo in cento anni di solitudine Marquez si candida come esempio per eccellenza di realismo magico. Marquez nasce ad Aracataca e ricrea Macondo con quelle sue esclusive coordinate. Tutto cambia eppure tutto rimane sostanzialmente invariato, questo nell’ idea loop temporale del romanzo, con un villaggio che esce gradualmente nella discendenza dei Buendia dal suo isolamento fino alle contaminazioni con altre realtà e villaggi e con l’avvento delle compagnie giunte dal continente per sfruttare le risorse del territorio che portano lotte e tensioni nella popolazione locale. foligno noirNon mancano le disgrazie e le calamità naturali e il tutto si estingue con la fine di questa famiglia che lentamente muore. Se il tutto inizia con una Macondo immersa in una disperata solitudine, tutto finisce con Macondo che muore in una totale solitudine il che ci riporta alla madre di tutti i cicli alla excalibur tanto per dare modo a Foligno Noir di fare una intrusione laterale (vedere assolutamente film del regista Borman del 1981 dove tutto nasce da una spada che affiora sull’ acqua e dove tutto muore con una spada che rifinisce in acqua in attesa di iniziare un nuovo ciclo). La vita di Marqueza é bella ricca di risorse e avventure. Il padre fondatore del realismo magico nasce a Aracataca in Colombia nel 1927. Nrel 1940 ottiene una borsa di studio nel collegio dove studiava e nel 1947 inizia a frequentare la facoltà di giurisprudenza a Bogotà. Foligno Noir fa notare che mentre le vicende personali si evolvono parallelamente si verifica un intreccio di fatti storici che influenzeranno la produzione dell’ autore, tipo 1953 con l’inizio della rivoluzione di Cuba dove finisce corrispondente per una agenzia giornalistica. Nel 1955 vi é il patto di Varsavia poi il muro di Berlino nel 1961 viene eretto. La grande storia che modella la piccola storia degli umani. Il 1967 é l’anno dell’esplosione di Marquez, nasce il suo capolavoro per eccellenza appunto cento anni di solitudine. Prima degli anni ottanta Marquez viene segnato direttamente e indirettamente dalle rivolte le ribellioni i moti insurrezionali delle popolazioni del sudamerica che lottano contro regimi totalitari. Nel 1985 anno di morte di Calvino Marquez esce con l’amore ai tempi del colera mettendo a segno un ulteriore goal mentre morte di una cronaca di una morte annunciata era del 1981. Sule realismo magico Foligno Noir ci dice che questo filone é disincantato e leggero, spensierato e vivace, vitale e brillante. foligno noirC’è sempre quella storiella che racconta Baricco in maniera teatrale affinata negli anni con ricchezza di particolari in cui il paesino alla Macondo perso in perso alla foresta chiede al circo di una grande città di farle visita per celebrare una grande ricorrenza. Nel corso del tragitto fluviale la nave affonda e tutto il circo affoda. Una bella mattina i pescatori locali tirando su le reti scoprono che al posto dei pesci hanno nella rete leoni, giraffe e rinnoceronti. Il realismo magico racconta di queste stravaganze surreali, sposta l’asse al limite delal regolarità e ci mostra una situazione inverosimile che potrebbe anche essere probabile sicché il lettore di Foligno Noir seppure interdetto é costretto a riconoscere che quella situazione in cui si sta perdendo non é del tutto fuori dal mondo reale. Gli scrittori sudamericani sono maestri nel fabbrivare trappole di questo tipo lastricate appunto di disincantata leggerezza. Per concludere Foligno Noir suggerisce di sbattere il grugno su cento anni di solitudine se l’obiettivo é diventare i più grandi scrittori viventi nella prorpia zona.




Gualdo Tadino Noir presenta Dante e il senso dell’ esilio

colle di nocera umbraL’opera d’arte immortale – chiede provocatoriamente Gualdo Tadino Noir – nasce quando l’individuo viene massacrato dalle forze cosmiche? Certo é che la guerra civile e l’egoismo e la lotta per l’avere e l’essere, i conflitti di ogni genere persino in seno alla religione con le contrapposizioni tra francescani e domenicani, tutta la cornice e il contenuto di lotta della Firenze dantesca hanno contribuito a generare angeli e demoni nella testa del sommo poeta. Firenze che diventa fiorino, quindi corruzione, malvagità, lotta per il possesso: in un contesto simile che psicoterapia poteva fare Dante se non quella di scrivere la divina commedia? Firenze é una città in lotta che ha bisogno di una elevazione spirituale e di un cammino di purificazione salvifica verso la salvezza, una trama che ci ricorda qualcosa. Ascesi e conoscenza libertà e redenzione, maledizioni ataviche e squarci di luce accecante. Filosofia e religione, un viaggio complesso e affascinante verso la propria completa autorealizzazione: scopo della vita dell’ uomo é diventare un essere di luce spogliandosi di tutte le lotti civili e le miserevoli questioni umane. Dante nasce guarda caso a Firenze nel 1265 da una famiglia nobile ma modesta dal punto di vista economico. Con Cavalcanti e contemporanei Dante rimane contagiato dalla poesia e dall’ impegno etico e civile. Primi anni caratterizzati dalla famosa sbandata per la figlia di un banchiere la nota Bice o Beatrice scomparsa prematuramente nel 1290 e continua fonte di ispirazione tanto da ispirare l’immortale Vita Nova. In quel tempo vi era la consuetudine di eseguire matrimoni programmati e nel 1295 Dante sposa una donna che gli darà 4 figli, Gemma di Manetto Donati, dalla quale ebbe quattro figli. Dante partecipa attivamente alla vita politica della sua città: nel 1300 ricopre una carica importante nel comune, si schiera con i Guelfi Bianchi ossia contro il Papa Bonifacio VIII simbolo di decadenza morale che insidia con la sua politica espansionistica la sua Firenze ma in seguito a lotte fratricide il suo schieramento perde e Dante viene privato di tutti i suoi bene e quindi espulso, tanto che non riuscirà mai più a rientrare nella sua città finendo per morire a Ravenna nel 1321 anno in cui riesce a portare a compimento anche la sua opera più famosa, viaggio allegorico di salvezza spirituale, nonche fedele specchio della società malsana dell’ epoca. In particolare dopo la sua espulsione avvenuta nel 1301 incomincia a lavorare a una idea di letteratura che attinge al latino per i dotti ma nell’ opera poi compiuta del 1305 ne esce trionfale la letteratura del volgare e del popolo. I poeti sono i diletti da Dio.La diffusione del sapere inizia a filtrare verso il basso. Con il volgare uno dei primi componimenti famosi fu quello di San Francesco con il cantico delle creature. Scrive poi il Convivio tra il 1304 e 1307 una sorta di compendio di saperi in volgare fiorentino. Tra il 1310 e il 1313 -evidenzia Gualdo Tadino Noir – si dedica al De Monarchia affronta il difficile tema tra potere papale contrapposto a quello imperiale. La Chiesa fallisce nella sua missione primaria che é quella di guidare l’individuo verso la salvezza e non quella di accumulare ricchezza e potere. Viviamo in un epoca in cui l’idea di feudo lascia spazio a quella di Comune in continua espansione. Nasce la figura del mercante. L’economia decolla con gli scambi commerciali e i cittadini consapevoli del loro ruolo attivo fondano corporazioni aggregatiche per la salvaguardia delle arti. Umbria NoirSe da un lato l’espansione dei comuni allunga le sue nere ombre sulle regioni vicine mai disposte a concedere terreno, dall’ altro la continua tensione tra papato e impero crea una tossicità storica letale. Nel 1200 Firenze grazie al fiorino era diventata una potenza mondiale. Dante finisce per sposare le idee dei guelfi bianchi che pur schierati con la chiesa ripudiano la politica di egemonia e di conquista di Bonifacio VIII mentre per contro i guelfi neri invece sostenevano le intromessioni del Papa nella vita politica della Firenze dell’ epoca, come potrebbe riportare qualsiasi libro di storia a detta di Gualdo Tadino Noir. Questa lotta incessante é documentata in forma allegorica nella divina commedia. Con il volgare Dante fa la scelta strategica di arrivare alle masse. L’idea é quella di parlare a chi ha fame di sapere indipendentemente dalla propria estrazione sociale. Dante riveste il ruolo di educatore e divulgatore e diventa base fondamento e origine dellla novitas moderna, nella nostra indipendenza intellettuale. Dio infonde il dono della conoscenza con estrema libertà nell’ anima senza mediatori. Il sommo dono é la libertà non la vita ed é ciò che ci divinizza. Grazie alla libertà possiamo liberarci dalla prigione dove stanno le pecore matte, sove ci stanno i lupi. Da servo a libertate. Noi siamo servi ma ci é stata dato il potere di raggiungere il sapere della conoscenza. Non senza cadaveri e morti sul campo di battaglia: pene dolori sofferenze condizionamenti nefasti di ogni tipo: sei nella selva oscura ma ancora capace di proiettare il tuo sguardo verso misteri più alti. E’ libero colui che libera: insegna il profeta Dante. La libertà si mostra liberando, ecco l’impegno di Dante nel perseguire una rotta etica con una missione salvifica: se non ti vedo impegnato a liberare coloro che continuano ad essere schiavi, come posso essere io liberato? Ravvedetevi dal falsi sistemi di credenza, stolti, guardatevi da acquile rapaci! Per Gualdo Tadino Noir Dante ha un solo modo per essere definito: genio stratosferico assoluto. Non a caso per questo viaggio di pulizia scomoda Virgilio che é la coscienza incantata che incorpora la conoscenza. Il sommo usa anche geometrie medioevali basate su simbologie numeriche. Gualdo Tadino Noir potrebbe indagare per ore del mistero rappresentato da Beatrice e del ruolo di purificazione che riveste nell’ ascesa del Poeta, potrebbe approfondire per ore ad esempio dello STIL NOVO una nuova corrente poetica esaltata dagli autori toscani ma anche dal padre Guinizzelli, potrebbe approfondire per ore il De Vulgari Eloquentia. Dante é un pozzo senza fondo caderci dentro significa perdersi negli eoni della Firenze del tempo ma anche della labile condizione umana in sempiterno. Per tornare all’ incipit iniziale e alla domanda: ma il capolavoro letterario quando nasce, come nasce, perché nasce? Bè verrebbe da dire più viene frullato dalla vita e tritato e vivisezionato e frammentato e ridotto in pulviscolo cosmico completamente destrutturato e più le cose irrompono nel mondo reale. Il sommo capolavoro dantesco erutta nel mondo perché le tenebre hanno congiurato per ospitare nel ventre creativo aspetti detonanti che hanno un solo modo di essere cauterizzati: prendendo forma in sublimi versi.




Nocera Umbra Noir esplora Camus e l’insensatezza di vivere (con i selfie ma non solo)

Umbria Noir1942 Nocera Umbra Noir non c’era ancora: con lo straniero i temi toccati sono l’assurdità della vita e l’insensatezza del mondo potremmo quasi definire Camus anziché premio Nobel il regista di a ovest di Paperino un film anni ottanta di Benvenuti. Come il suo personaggio Meursault anche Camus é alla ricerca della verità di esistere e di sentire ma é solo un vagare nel buio perché alla fine nessuna risposta sarà palesemente materializzata dal cilindro del grande Universo. Un altro punto di contatto -sottolinea Nocera Umbra Noir é questa assurda finzione degli esseri umani che trovano empatia tra loro e si lasciano coinvolgere da sentimenti e passioni, travolgere in ultima analisi dalla vita. Forse anche Camus prova una totale indifferenza per il mondo che lo circonda come i suoi simili? Certo é che se il personaggio manifesta una assurda coerenza all’ assurda indifferenza anche Camus parallelamente si concede a quella stessa idea di coerenza nelle sue battaglie politiche e sociali fino a diuscostarsi anche dal suo amico Sartre. Umbria Noir alla fine focalizza l’autore che era scrittore, drammaturgo, saggista e filosofo. Ma riprendiamo il discorso dall’ inizio. Nasce il 7 novemebre 1913 da immigrati francesi e ben presto scopre il piacere della lettura da uno zio macellaio, sembra destinato all’ insegnamento per la sua vivace predisposizione al mondo delle lettere ma una malattia lo costringe a ripiegare sul giornalismo. Si dà molto da fare per formare la cultura del mondo operaio fondando una compagni teatrale e scrivendo saggi come il diritto e il rovescio  del 1937. Nocera Umbra NoirDopo la seconda guerra mondiale prende una decisa presa di posizione contro i regimi dittatoriali di ogni tipo e nel 1947 scrive il suo capolavoro La Peste che inneggia alla solidarietà e alla resistenza contro l’oppressione. Nel 1951 scrive l’uomo in rivolta che gli costa la rottura con l’amico Sartre che lo accusa di essrsi adagiato in una stile di vita borghese. Si ammala dopodiché decide di dedicarsi esclusivamente ad adattamenti teatrali. Camus vive in maniera diretta e drammatica tutta la vicenda algerina fino all’ indipendenza sancita dal generale De Gaulle nel 1962 passando per la battaglia di Algeri del 1957, mentre in Francia vive un periodo di difficoltà economica. Camus ripudia le etichette anche quella di esistenzialista caratteristica comune al movimento. Si parte dal senso dell’ esistere per indagare sull’ essere a questa corrente concedono il loro credo anche personaggi come Heidegger e appunto Sartre, un movimento che nasce intorno alla prima guerra mondiale e che trae il suo centro dal senso di finitudine cosmica che caratterizza la transitorietà umana. Gli esistenzialisti fagocitano le scelte libere dell’ uomo, sottolinea Nocera Umbra Noir. Da ciò deriva l’impegno dell’ uomo che deve impegnarsi socialmente e politicamente facendo coincidere anche questa posizione con la corrente politica del marxismo. Camus nella sua produzione letteraria sottolinea il tema della coscienza del dingolo attimo in cui ogni istante brucia di insensatezza generando domande prive di risposte. Umbria NoirNel mito di Sisifo  Camus affronta questo tema dell’ assurdo sottolineando come l’eroe sia condannato a compiti gravosi e inutili che di fatto non sviluppano nessuna evoluzione. Vi é un silenzio irragionevole nel mondo, dichiara Nocera Umbra Noir. L’impossibilità di soddisfare i nostri interrogativi é permanente. Camus muore nel 1960 in un incidente automobilistico lasciando numerosi spunti di riflessioni tra cui anche il senso di ribellione dell’ uomo che deve lottare contro la sua insensatezza di esistere per avere forma e compimento. Il senso della rivolta sta nel lavorare in favore della giustizia per non volere accrescere il senso di ingiustizia. le cose possono accadere senza ragione e sono insensate per loro natura, l’unica cosa che ci salva in un contesto simile é solo una profonda solidarietà tra gli esseri umani, l’unico Dio secondo l’autore stesso e Nocera Umbra Noir in grado di puntellare l’esistenza del piccolo umano destinato a diventare polvere. Solo così tramite la solidarietà la peste viene in uno dei suoi romanzi più famosi sconfitta.




Umbria noir esplora Simenon e Maigret

umbria noirLa realtà è fatta di vuoti o di pieni domanda Umbria Noir? A chiunque sarà capitato nella vita di ricevere in corpo pallottole non richieste: come si può cauterizzarle senza che queste diventino letali lenendo gli organi interni? La scrittura ha questo potere salvifico e demiurgico ma non tutti gli autori scrivono per necessità con l’intestino. Un esempio di scrittore che scrive vomitando e quindi ripristinando lo stato di salute iniziale di un organismo funzionale privo di pallottole é sicuramente Stephen King. Sicuramente, invece, non appartiene a questa categoria di scrittori Simenon uno degli scrittori più prolifici inventore del poliziesco di qualità con il commissario Maigret protagonista di quasi 80 romanzi nella sua opera. In genere ci si chiede sempre con un cadavere a terra, ma chi é stato? Simenon invece rivoluziona questa prospettiva chiedendosi scrupolosamente con la sua pipa in bocca perché é stato. Focalizzandosi sugli aspetti psicologici della vicenda, l’autore entra dentro i personaggi empaticamente cercando di sviscerare il loro mondo interiore in un universo che é senza centro perché intriso di tanti centri, tutti poitenziali indiziati nella risoluzione del mistero finale. Parigi l’autore la conosce bene e non é un caso che la descrizione delle location siano così particolareggiate e suggestive così come la provincia teatro di ambientazione di molte sue storie. L’autore nasce nel 1903 a Liegi e muore nel 1989 a Losanna. Tra questi due momenti vi é tutta una vertiginosa baraona. compreso il suicidio nel 1978 della figlia che lo ricostringe a usare la penna dopo averla ripudiata per stanchezza e vecchiaia. Simenon é ricordato per le sue relazioni sessual-sentimentali o sentimental-sessuali. Josephine Baker anche la celebre danzatrice negra degli anni trenta secondo la leggenda cadde nelle sue grinfie. Da piccolo legge Balzac, Conrad e Sthendal. Con lo pseudonimo di George Sim pubblica nel 1921 il suo primo romanzo, al ponte degli archi, dopo aver vissuto una fase da cronista canino in un giornale dove il suo compito era quello di commuovere con struggenti storie appunto su cani abbandonati o maltrattati i lettori. Il primo romanzo su Maigret é Pietro il Grande. Semplice, lineare e diretto ricorda un pò la filosofia di Steve Jobs, una semplicità ottenuta attraverso una scelta accurata della parola, la parola scelta é proprio l’unica adatta per suggerire una idea o insinuare un sospetto. Nel 1931 Renoir il regista lo coinvolge anche per una rappresentazione cinematografica sulle sue invenzioni. Vive in quel di Parigi cambiando spesso casa e fidanzata fino a dopo la seconda guerra mondiale sempre scrivendo a raffica come una mitraglietta ma fu accusato di collaborazionasmi e decise di trasmigrare in America. La gente qualunque che si incontra in tram o di fronte all’ uscio di casa é la protagonista della sua opera, osservare con semplicità ma estrema verità. La linearità é anche nella trama. Umbria Noir ricorda che quando Poe scrisse di Dupin nel 1841 con i famosi delitti della Rue Morgue, nacque ufficialmente il romanzo poliziesco. Il dono della chiarezza in Simenon é quello di proporre trame contorte solo in apparenza, perché la trama e il suo dipanarsi é sempre seguita dal lettore senza disorientamenti. Dopo Dupin nel 1887 abbiamo il famoso personaggio di Sherlock inventato da Conan Doyle e per proseguire nell’ evoluzione del poliziesco la Christie nel 1920 inventa ufficialmente Poirot. Nella scrittura di Simenon non si incontra una minaccia latente dietro la normalità. In lui si é attori e spettatori. umbria noirPipa e bombetta dunque, una combinazione letale che nasce nientemeno che da una ponzata in un bistrot dove lui sorseggiava una bevanda e contemporaneamente provava interesse per un personaggio reale che continuava a fare avanti e indietro su un marciapiede suggerendo nell’ autore osservatore l’idea di una creazione artistica per un potenziale commissario. Mentre scriveva di Maigret in America esplodeva l’hard boiled che si ispira al proibizionismo, al crollo di Wall Street e alla lotta tra gangster evidenzia Umbria Noir. Maigret che suona diametralmente opposto rispetto all’ hard boiled stile Woolrich per esempio, ci viene descritto come un difensore degli uomin, ha le spalle larghe e tradisce le sue origini contadine. Ama la buona cucina e ha la fortuna di usufruire dei servizi di una brava consorte e naturalmente nella sua indole tranquillizzante se ne va in giro con bombetta e pipa da saggio osservatore. Comprendere e non giudicare perché nella vita ci sono solo vittime e mai colpevoli: questa é la regola di valutazione di Maigret. Mai togliere all’ essere umano la dignità personale, questo é il peggiore crimine di tutti secondo Maigret e lo stesso autore, umiliare qualcuno é qualcosa che non si può tollerare. Per incastrare l’assassino tra un bicchiere e l’altro Maigret non deve giudicare ma solo valutare i fatti e ricostruire la verità. Fondamentale nel processo di sintesi finale é a detta di Umbria Noir l’assimilazione dell’ ambiente per arrivare a ricostruire il contesto in cui le miserevoli vicende umane esplodono.

 




Programmazione web Colle di Nocera Umbra: corso di Ajax

Colle di Nocera UmbraNecessitano lezioni veloci veloci per somatizzare una tecnologia ostica dello spessore di Ajax da programmazione web Colle di Nocera Umbra? Sei capitato nel post-o giusto! Iniziamo da capo con una domanda provocatoria: ma dove vai se Ajax non ce l’hai? Per familiarizzare con questa tecnologia non hai bisogno di software particolari o plug in. Si tratta di un contesto di facile comprensione. Asynchronous Javascript And XML (JavaScript e XML asincroni). Ecco spiegato l’acronimo, la J del resto la dice lunga. Come sarebbe bello si dice programmazione web Colle di Nocera Umbra se mentre svolgo una operazione, in background succede qualcosa che velocizza le operazioni di propagazione, ad esempio perché schiacciare il pulsante aggiorna e ricarica pagina quando é possibile effettuare questa azione in modo asincrono? Ajax gestisce in background mediando l’interazione client server questo tipo di situazione. Comunicando in modo asincrono con il server Ajax é in grado di risolvere i feedback che riceve come risposta senza che l’utente abbia la percezione di uno sbalzo temporale. Ad esempio l’utente prima ancora di sapere che ha necessità di recuperare dei dati da una azione a sua insaputa ha in realtà acquisito quelle risorse grazie ad Ajax. Colle di Nocera Umbra 1Questo é anche il significato della parola asincrono. Prima di procedere con i dettagli di questa potentissima tecnologia, facciamo un rapido ripasso delle tecnologie web. Come tutti oramai sanno negli anni sessanta americani il progetto ARPAnet alimentato dall’ agenzia per i progetti avanzati, collegò quattro computer di quattro centri universitari distanti; successivamente negli anni settanta vennero aggiunti dei nodi e la rete si propagò anche se inizialmente tutto il processo aveva finalità di difesa militare. Nel 1972 fu introdotta la rivoluzionaria posta elettronica, subito seguita dal protocollo TELNET per l’accesso ai computer remoti e il protocollo di trasferimento file FTP, file transfert protocol. Nel 1989 grazie al CERN di Ginevra e Tim Barners-Lee fu modellato l’ipertesto e alcuni anni dopo nel 1993 nacque il primo browser MOSAIC. La struttura portante della rete é costitutuita da una immensa ragnatela di ipetesti e di elementi multimediali audio, video e testi oltre naturalmente a software e applicazioni web che popolano la rete. Semplificando il browser invia una richiesta HTTP al server che la elabora e restituisce nell’ architettura client server il risultato logico della richiesta. Una richiesta HTTP é composta da un nome di dominio in cui é memorizzata la pagina, il nome della pagina, i nomi e i valori di qualsiasi parametro che si desidera inviare con la RICHIESTA. Un server web gestisce pagine uniche web composte come detto prima da elementi multimediali. Sicuramente una delle applicazioni web più famose é Apache Web Server, progetto open source che soddisfa le esigenze dei naviganti planetari. Per programmazione lato server si intendono i numerosi software che girano appunto lato server. Per programmazione lato client intendiamo programmi in esecuzione appunto lato client come Java Script. Programmazione web Colle di Nocera Umbra inoltre ricorda che la carta di identità di un computer é costituita dalla carta di identità. Quando si digitano indirizzi web per comodità subentra il protocollo DNS , il domain name server che associa una parte testuale alla famosa carta di identità. Per scrivere pagine web si usa HTML5, linguaggio di marcatura ipertestuale che non é da considerarsi un linguaggio di programmazione. Con semplici editor di testo si possono modificare questi file sebbene in commercio ci siano strumenti anche potenti e sofisticati. Chi é dentro al settore e non solo programmazione web Colle di Nocera Umbra sa bene che alcune zone sono delimitate come la testata o il body che si trovano all’ interno dei tag di inizio e fine che sono <html> e </html>. La sezione HEAD contiene il titolo ma ospita anche gli script che verranno eseguiti nel body. Nella sezione Body andremo a riempire la pagina dei contenuti veri e propri. ColleOvviamente gli attributi caratterizzano le proprietà degli oggetti ad esempio una istruzione del tipo <body bgcolor=”grey”> come si può intuire assolve a una specifica funzione. Nel body possiamo inserire tabelle div immagini e script che possiamo anche richiamare dalla zona head fuori area dei contenuti. Ovviamente la pagina ha intestazioni, link paragrafi e con HTML5 può ospitare di tutto e di più anche video diretti e grafica animata avanzata. Di solito contenitore e contenuti sono gestiti graficamente dai fogli di stile a cascata che essendo centralizzati possono modificare qualsiasi elemento della pagina con un solo click senza aprire centinaia di file a sostegno. Programmazione web Colle di Nocera Umbra al momento ha svolto la sua mission legata per la stesura di questo primo paragrafo e si ripromette di incidere in maniera performante affrontando in uno dei prossimi articoli la spinosa questione delle richieste HTTP con particolare riferimento ai moduli e al famoso tag <form> di HTML. At the next time e buon approfondimento con Colle di Nocera Umbra e UmbriaWay Consulting!




UmbriaWay Consulting é pronta per stupire con effetti speciali su You Tube? Risponde videomaker Umbria

videomaker-umbriaState uscendo da una caverna e improvvisamente avete scoperto che You Tube esiste? Bravi avete scoperto l’acqua calda o il segreto di Pulcinella o più semplicemnte il Santo Graal. Chi fa un marketing aggressivo di impatto e di alto valore scivoloso petuloso (leggi anche comunicativo al top) non può esimersi da sperimentare questo straordinario strumento ricordando che la nuova politica 4.0 é decollata indipendentemente dai colori o dagli schieramenti grazie anche a questi nuovi strumenti che influenzano costume e società. Cosa deve fare UmbriaWay Consulting per fare 20 milioni di spettatori con un video? Pubblicare una difesa pirc codificata B08 e poi con una virtuosa azione di link building far pervenire la segnalazione niente di meno che a Carlsen? La risposta non é dentro di te ma la svisceriamo in questa serie di post strategici che scompongono il media in questione, amen. Chiunque voglia fare business e far decollare il suo brand non può più sottovalutare il potenziale racchiuso dietro questo oscuro URL che nel 2006 vinse il premio sito eccellenza mondiale dell’ anno. Come devi promuovere la tua azienda? Come devi produrre i tuoi video e con quali strumenti? Come devi gestire i tuoi video in una ottica SEO per performare al massimo? E creare un VideoBlog e proprio così complicato? Promuovere e monetizzare direbbero a Roma ma de che stemo a parlà? Una buona traccia per seguire questi argomenti scabrosi e delicati potrebbe essere il canale Yo Tube di terzi http://www.youtube.com/user/trapperjohn2000, mentre unj interessante videoblog di tracking lo si trova all’ indirizzo: businessvideoblog.blogspot.com. Da questi canali si possono cogliere molte strategie produttive e trucchetti per ottimizzare al meglio la propria comunicazione. Ma c’è un solo modo per destreggiarsi con You Tube: imparare a usare You Tube smanettandoci sopra direttamente e c’è un solo modo per ottenere un risultato significativo di ritorno per fare business con i propri blog, vlog e video: provare e riprovare a fare e a disfare! Certamente non doveva entrare in campo videomaker Umbria per andare a mettere in evidenza quelle che sembrerebbero delle abanlità acquisite. Ma partiamo da una solida cultura di base. Il primo passo é capire meglio il contesto formativo, definire il campo da gioco e le sue regole e adattarsi alla strategia e alle tattiche richieste nel prosieguo per riempire la cornice con dei contenuti. Ricordiamoci che il nostro obiettivo é passare da uno stato dilettantesco a uno professionale. You tube può aiutarvi a promuovere la vostra impresa, si tratta solo di individuare i modi migliori per farlo. La rivista Time aveva visto lungo nel 2006 definendo questo servizio nel 2006 una portentosa rivoluzione, scopriremo nei prossimi articoli di UmbriaWay Consulting e videomaker Umbria il perché! Per ora non possiamo che ammirare l’estro e l’iniziativa di tre dipendenti Pay Pal che nel 2005 diventano ex dipendenti Pay Paldecidono di mettere in rete un servizio di condivisione dei contenuti fondando appunto YT. Il dominio fu registrato il 15 febbraio del 2005, dopodiché Steven Chen e Javed Karim hanno iniziato a sviluppare la tecnologia a casa di Chad Hurley il terzo socio che mise a disposizione il garage. Ma come rimarca videomaker Umbria siamo solo agli inizi della telenovelas un posto al sole, pardon, di un video for all. videomaker umbriaGli obiettivi che ci prefiggiamo con questa serie di sessioni di allenamento formativo é quello di stringere il cerchio sugli obiettivi che potrebbero essere nello specifico: come sviluppare una strategia di marketing efficace usando appunto YT, che tipo di video produrre e come, come creare e gestire un videoblog, studio dei case history di successo e soprattutto come generare fatturato e monetizzazione dalla profusione dei nostri sforzi bellici, il tutto usando un approccio chiaro e diretto senza troppa convergenza di rette parallele. Nessuno sa quale può essere la risposta producendo un particolare video, il modo migliore per rispondersi é sperimentare.




Ceramiche Umbria presenta la WALD di Fossato di Vico

wildVa bene a Torino ce sta la Fiat magari ti viene in mente la cioccolata oppure il museo del cinema o la Juventus. Ma in zona Gualdo Tadino Fossato di vico che cosa associ? La mostra sulla follia coordinata da Sgarbi con i capolavori di Ghizzardi e Ligabue? Focu! La tradizione delle ceramiche umbre é la più prominente d’Italia per i suoi trascorsi medioevali che rendono l’ereditarietà della tradizione unica. Ma andiamo con calma senza andare a scoprire troppo le carte. Innanzitutto ci scusiamo noi di UmbriaWay per quella miriade di aziende che fanno anche esse parte dell’ eccellenza umbra per i motivi di cui sopra se non verranno citate in questo post. Certo é che la zona Guado Tadino, Gubbio Fossato ha una bella tradizione storica sulle ceramiche finite anche a Expo l’anno scorso. Ceramiche Umbria qui esamina la WALD di Fossato di Vico che con un amalgama di innovazione e qualità si é messa fortemente in evidenza ma ripetiamo non vogliamo penalizzare nessuno semplicemente i fattori di successo nel settore ceramica sono alti in Umbria un pò ovunque e ci sarà modo di analizzare sicuramente altyre aziende del settore. Certo é che l’artigianato quando incontra appunto lavorazioni moderne e all’ avanguardia si fa notare non solo in Italia ma anche nel mondo ed é appunto il caso della Wald che ha inventato una sostanza argillosa cotta a 1250 gradi centigradi di nome Kergres e che ha rilanciato l’azienda grazie alle caratteristiche di durezza e resistenza meccanica con un colore avorio naturale che consente decorazioni pregiate. Wald é un termine che ricorda non a caso il nome antico di Gualdo Tadinum e che sta per bosco, assonanza che riprende tutta la tradizione delle ceramiche gualdesi che affondano la loro forza produttiva in un antico medioevo. Sappiamo per averla più volte evidenziata che quando la tecnologia incontra l’artigianato in questo caso di rango il verdetto finale non può che essere che uno: affermazione sul mercato. Oggettistica, arredi, prodotti di altissima qualità che diversificano le esigenze, dal regalo esclusivo alla tavola, andando a colmare ogni tipo di esigenza anche con criteri di bellezza e standard elevati dove cura e raffinata ricercatezza colmano le esigenze dei palati più raffinati. Grazie a una argilla ribattezzata terrasana la Wald si é messa in evidenza anche nel settore salute e benessere con ottime performances sui preparati gastronomici. Trattasi di una argilla naturale non smaltata per cotture esclusivamente a secco. Ecco quindi – sottolinea ceramiche in umbria – che il comparto ricerca e sviluppo fa la differenza quando ci si cimenta in questa area. Il cuore progettuale dell’ azienda é a Fossato di Vico ma la produzione vera e propria avviene in Thailandia coadiuvata da personale italiano che controlla i motivi decorativi. Conoscere la materia prima ai massimi livelli é un dovere da perseguire con il massimo impegno secondo Wald che anache un suo show room nell’ indotto Osteria del Gatto. Ti serve una idea per lista nozze? Hai un problema di arredi, vuoi una cucina performante e stilisticamente graffiante? Non ti resta che andare a visionare il sito aziendale di Wald eccellenza a Fossato di Vico con le sue ceramiche Umbria!