1

Introduzione di myAHAHlib.js

Consideriamo con formazione informatica Umbria il seguente listato:

function callAHAH(url, pageElement, callMessage) {
document.getElementById(pageElement) . innerHTML = callMessage;
try {
req = new XMLHTTPRequest(); /*es Firefox */
} catch (e) {
try
req= new ActiveXObject(“Msxml2.XMLHTTP”); /*es IE any version*/
} catch (E) {
req = false;
}
}
}
req.onreadystatechange = function() {responseAHAH(pageElement);};
req.open(“GET”,url,true);
req.send(null);
}

function responseAHAH(pageElement) {
var output = ”;
if (req.readyState ==4) {
if (req.status == 200) {
output = req.responseText;
document.getElementById(pageElement).innerHTML = output;
}
}
}

la funzione callAHAH() incapsula le operazioni per la creazione di una istanza dell’ oggetto XMLHTTPRequest, per la dichiarazione della funzione di callback e per l’invio della richiesta. Si noti che invece di dichiarare semplicemente

req.onreadystatechange = responseAHAH;

é stato utilizzato il costrutto JS
req.onreadystatechange = function() {responseAHAH(pageElement);};

questo tipo di dichiarazione consente di passare un argomento alla funzione dichiarata, in questo caso identificando l’elemento di pagina da aggiornare. callAHAH() accetta anche un ulteriore argomento, callMessage, che contiene una stringa per la definizione del contenuto che deve essere visualizzato nell’ elemento di destinazione mentre si attende il risultato della richiesta al server. In questo modo si offre all’ utente un certo grado di feedback, avvertendolo che qualche cosa sta accadendo nella pagina. In pratica questo avviso potrebbe essere una riga di testo personalizzata:

‘aggiornamento pagina attendere prego’

Tuttavia ancora una volta si può decidere di inserire nella stringa il codice HTML. Utilizzando una GIF animata all’ interno di un elemento IMG si offre un modo efficace per avvertire l’utente che é in corso un processo. La funzione di callback responseAHAH() esegue l’operazione specifica di applicazione della stringa restituita nella proprietà responseText alla proprietà innerHTML dell’ elemento di pagina pageElement selezionato:

output = req.responseText;
document.getElementById(pageElement).innerHTML = output;

questo codice é stato inserito in un file chiamato myAHAHlib.js che può essere chiamato da una pagina HTML, rendendo così le funzioni disponibili all’ applicazione AHAH. Adesso vediamo come usare questa libreria con Formazione Informatica Umbria.

Con Umbriaway Consulting vedremo ora come usare la nostra libreria per richiamare e gestire risposte testo. Il file precedente ora può essere inserito in uno script all’ interno della pagina HTML:

<SCRIPT language=”JavaScript” SRC=”myAHAHlib.js”></SCRIPT>

Si avrà quindi la libertà di chiamare le funzioni all’ interno dello script ogni volta che lo si desidera. Quello che segue é il codice sorgente di base di una pagina HTML:

<HTML>
<head><title>Ajax application</title>
<SCRIPT language=”JavaScript” SRC=”myAHAHlib.js”></SCRIPT>
</head>
<body>
<form>
<input type=”button” onClick=”callAHAH(‘serverscript.php?parameter=x’, ‘displaydiv’, ‘pagina in aggiornamento’)”>
Qui ci sarà la response parziale:<br>
<div id=”displaydiv”></div>
</form>
</body>
</html>

In questa semplice pagina HTMl viene utilizzato un elemento pulsante per creare l’evento che produce la chiamata del metodo callAHAH che inserisce la stringa di testo per l’attiso segnalazione processo ‘pagina in aggiornamento’ nell’ elemento <div> che possiede id displaydiv e invia la chiamata asincrona al server all’ URL serverscript.php?parameter=x. Quando responseAHAH() rileva che il server ha completato la risposta, il contenuto dell’ elemento <div> viene aggiornato utilizzando il valore memorizzato in responseText; invece di mostrare il messaggio “pagina in aggiornamento” oraq il DIV visualizza il testo restituito dal server. Ajax ricorda Formazione Informatica Umbria non é una tecnologia ma solo un modo performante di valorizzare standard già esistenti.




Concerti a Foligno con www.amicimusicafoligno.it

umbria culturaA palazzo Candiotti in largo Federico Frezzi N 4 06034 Foligno PG vi é una associazione che organizza incontri culturali e concerti, appunto www.amicimusicafoligno.it, info@amicimusicafoligno.it. Per esempio Domenica 13 Novembre alle ore 16 ci sarà un concerto dedicato a Ciro Scarponi. Chi é? E’ stato uno dei più grandi clarinettisti del secondo novecento, capace ed emettere un suono inconfondibile e personalissimo come riconosciuto dalla critica musicale internazionale (Stefano Ragni). Autentico innovatore della tecnica ha presentato numerossime prime esecuzioni assolute. Viene ricordato a dieci anni dalla sua scomparsa con focus prioritario sul suo novecento. Sempre all’ auditorium San Domenico il 4 dicembre sarà invece dedicato ai vincitori di concorsi internazionali e in particolare a Charles Richard-Hamelin pianoforte, medaglia d’Argento e premio Krystian Zimerman Varsavia 2015 che eseguirà Chopin Fryderyck in particolare Nottorno in si maggiore opera 62 numero uno, ballata numero tre in la bemolle maggiore opera 47, sonata numero tre in si minore opera 58 e molto altro. Con il secondo appuntamento chopiniano si chiude anche la stagione con il giovanissimo talento non ancora trentenne. Il concerto é preceduto dalla recitazione in lingua originale del poema il pianoforte di Chopin dello scrittore romantico polacco Norwid con voce del grande attore Jezry Radziwilowic. Quest’ anno ricorre l’anniversario 35 anni dell’ associazione amici della musica di Foligno che contribuisce ad arricchire il tessuto culturale della zona, la musica é vita e diventa una necessità arriva a dire il filosofo. Tutta la musica quella colta, quella popolare, quella che ti sorprende, ti coinvolge, quella che conosci e quella che impari ad apprezzare, un viaggio che deve attrarre e coinvolgere. Presidente dell’ associazione Giorgio Battisti informazioni dettagliate su http://www.amicimusicafoligno.it




Memorie dei Migranti un concorso video a Gualdo Tadino Museo dell’ Emigrazione

consulenza UmbriaIl museo dell’ emigrazione Pietro Conti si trova a Palazzo del Podestà e Torre Civica in piazza Soprammuro 06023 Gualdo Tadino PG Tel/fax 075 9142445 email: info@emigrazione.it, sito internet www.emigrazione.it.  In collaborazione con la RAI bandisce un concorso per la migliore testimonianza video sul tema dell’ emigrazione italiana all’ estero. Lo scopo dell’ iniziativa é quello di favorire il recupero e la sensibilizzazione della memoria storica dell’ emigrazione italiana dalla fine dell’ ottocento ai giorni nostri, nonché di favorire una attività di ricerca e di studio sugli aspetti storici, sociali ed economici legati all’ esodo. I video dovranno essere diretti ad illustrare il fenomeno migratorio attraverso storie individuali o famigliari o comunitarie considerando la possibilità di muoversi all’ interno di un tema variegato e ricco di sfaccettature (i motivi della partenza, viaggio, lavori emigrazione femminile, comunità all’ estero, integrazione, scontri e incontri culturali, il ritorno ed altro). Il concorso prevede l’ideazione e la produzione di un audiovisivo che tragga spunto dalla tematica migratoria italiana, il cortometraggio può essere svilupato a scelta tra i seguenti formati video: inchiesta reportage o documentario oppure finction o docufinction. C’é tempo fino al 31 gennaio per consegnare le opere presso il museo regionale dell’ emigrazione Pietro Conti e la premiazione avverrà venerdì 31 marzo 2017 con la proiezione dei tre video vincitori, ognuno per ciascuna sezione: scuole, master e andati in onda. Montepremi 1500 euro.