La gatta frettolosa fece i gattini ciechi, una segnalazione da parte di Costa web design su Lamborghini rosso vino!

costa-web-design

Il titolo la dice lunga sull’ azienda storica Lamborghini di Panicale. Che cosa ha di particolare questa azioenda? Che ha rispettato tutto l’iter di successo di un brand che sa aspettare pazientemente prima di raccogliere il frutto del proprio lavoro. Che passa dal rosso di una celebre vettura a quello di una magnifica bottiglia. Ma chi era Ferruccio Lamborghini il mito che inizò la sua traversata esistenziale in Emilia per finire in Umbria? Era una persona umile, figlio di agricoltori che amava così tanto la passione rappresentata dai motori e il senso di liberta di quei rombi che riuscì a fondare una officina per trattori a Renazzo, in proivincia di Ferrara, dopo la guerra. Costa web design sottolinea che quello era il punto di ebollizione che andava cercando perché presto la massa liquida esplose e il trattore divenne qualcosa di più concreto, appunto la Lamborghini trattori. Ma le automobili sono il pallino fisso di Ferruccio e nel 1963 fonda la Lamborghini Auto che finisce per piazzare un colpo vincente al salone di Ginevra nei successivi anni: con la Miura l’azienda viene consacrata sul mercato. bottiglia_guidaNegli ultimi anni della sua vita Ferruccio si incunea vicino al Trasimento a ridosso con la Toscana e si stanzia a Panicale. Il rosso Lamborghini divenne rosso di Miura su 100 ettari che dopo la morte di Ferruccio nel 1993 a Perugia inaugurò anche un importante campo da golf, circondato da boschi e vigneti su 45 ettari. Non solo vino ma anche agriturismo con dodici appartamenti che guardano verso il lago. Coraggio tradizione e amore ereditati dalla gestione Patrizia, figlia di Ferruccio. Il vino Campoleone prodotto da Lamborghini é un brand importante per gli appassionati enologhi e ovviamente quote di mercato importanti sono rivolte verso l’estero. Un accostamento vincente quello tra motori e vino, soprattutto quando c’è il rosso di mezzo, parola di Costa web design!

image_print

Be the first to comment

Leave a Reply