Ci vuole un grande pennello per dipingere una parete grande? O basta la Ige Impianti dell’ indotto di città di Castello per far gridare al miracolo?

Schermata 2016-05-11 alle 14.10.35

Miracolo Leicester con Ranieri che simile al Foscolo lontano dalla sua patria natia che lo marchia come “uomo mai vincente” che esule da Zante sbanca i botteghini dei scommettitori vincendo il campionato e mettendo in moto un tripudio di massa a livello di mass-media. Ma  UmbriaWay si occupa prima di tutto di casi di successo per l’economia umbra e traslitterando ci chiediamo quindi se questa metafora-favola calcistica sia applicabile anche per il tessuto imprenditoriale locale. La risposta é sì! C’è una azienda nell’indotto di Città di Castello che  pur non essendo una grande multinazionale (tanto per proseguire nella metafora calcistica non é la Juventus con cospicue risorse finanziarie a corredo) che ha triplicato il fatturato dal 2014! Il punto esclamativo sta a significare per la IGE Impianti la marchiatura dell’ eccellenza da Leicester anche se non sappiamo se l’amministratore unico Amberto Comanducci deve sentirsi come CEO simile a Ranieri in questo periodo. Quello che sappiamo studiando questo caso di eccellenza é che ciascuno dei 23 dipendenti ha portato a casa un premio di 2500 euri a corredo, grazie a una filosofia aziendale che propone costi accessibili fornendo in cambio qualità e rispetto per le tempistiche di consegna. E siccome in questo sito si studia l’eccellenza le cronache danno come elemento significativo il passaggio da una dimensione di commesse locali a una promozione su progettualità più ampie e pubbliche a un livello nazionale che appunto dal 2014 al 2016 ha permesso di triplicare il fatturato, che ha permesso all’ azienda di crescere in termini anche di investimento per formare e puntare su un personale altamente specializzato in termini di competenze e valore aggiunto. Una bella favola della regione in un momento in cui una involuzione economica pesante  sembra stritolare le ambizioni e i sogni dell’ occupazione riarsa locale. Complimenti alla Ige Impianti che grazie a una ottimizzazione e riqualificazione del personale interno ha alleggerito la zavorra consentendo al dirigibile di innalzarsi in volo. Un occhio di riguardo all’ organizzazione interna e alle maestranze coinvolte in questo case history di successo nel cocktail del risultato vincente, ma anche volontà e impegno nel voler perseguire obiettivi sempre più ambiziosi e importanti. Ovviamente c’è molto da imparare da questo esempio di eccellenza umbra.
image_print

Be the first to comment

Leave a Reply