Premio Hombres Itinerante e CDG, II e ultima puntata: RINGRAZIAMENTI

Si chiude il working progress sul PREMIO HOMBRES ITINERANTE, indirizzo internet http://www.premiohombres.com/ , e il comune di CASTEL DEL GIUDICE, http://www.comune.casteldelgiudice.is.it/ , un viaggio iniziato con l’articolo sulla replicabilità dei modelli di sviluppo, http://www.umbriaway.eu/2018/07/03/replicabilita-dei-modelli-di-sviluppo-perche-qualche-comune-umbro-dovrebbe-ispirarsi-castel-del-giudice-per-attivare-circoli-virtuosi-e-mettere-atto-politiche-di-sviluppo-sul-territorio/ . Ripartiamo proprio da qui e da una dichiarazione del primo cittadino di CDG, Lino Gentile: “i modelli difficilmente sono replicabili” e aggiungiamo noi, perchè ogni location ha la sua singolarità quantica e le cornici strutturali e logistiche per ammortizzare eventuali problematiche locali senza contare sinergie e tensioni diverse onsite. Se chi vive in Umbria ha la netta sensazione di galleggiare in una sorta di limbo estetico ed estatico che separladasolo alla romana, quasi autoreferenziale e pervasivo con le le sue cornice naturali appenniche di perenne bellezza ANTIDILUVIANA, una volta giunto in MOLISE transitando magari dall’ ABRUZZO piuttosto che dalla A14 deve rimettere in discussione le sue convinzioni, perchè la sensazione di essere stati scaraventati ai tempi della barca di Noè con una sorta di macchina del tempo è palese se non altro per un salto di altitudine che trasforma il territorio molisano in una sorta di coacervo complesso dalle mille pieghe e dai mille AFFASCINANTI risvolti. L’albergo locale di cui abbiamo già parlato nella prima puntata, nato dalle ceneri dell’ inutilità (ruderi abbandonati), https://www.borgotufi.it/ , ha ospitato pertanto i lavori della quattordicesima edizione, in una LOCATION INTRIGANTE per l’appunto per la sua cornice naturale, prendendo questa volta come importante riferimento divulgativo per la cultura non solo molisana la figura di LINA PETRAVALLE, http://www.premiohombres.com/lina-pietravalle/ , una figura bistrattata nel panorama nazionale ma coinvolta fino alle viscere con la terra Molisana anche se nasce a Fasano (1887) e muore a Napoli nel ’56. Per capire l’importanza di questa figura visitare anche la bibbia del web: https://it.wikipedia.org/wiki/Lina_Pietravalle, tra l’altro durante la premiazione qualcuno ha sottolineato per mettere meglio a fuoco questa figura che Lina è la Pupi Avati denoialtri, nel senso che chi tutela e custodisce il Molise con la sua prosa rassicurando i lettori che si identificano con la loro terra è proprio lei a livello nazionale, analogamente al lavoro fatto da Avati per valorizzare la sua Romagna! Ritornando al luogo del delitto (Sono sicuro che se Peter Jackson fa un salto in Molise qualche altra avventura su Tolkien la tirerebbe fuori rimanendo immerso in questi scenari) il Sindaco di CDG ha anche confessato che era il quarto Sabato in cui erano impegnati in un evento, spiegando anche simbolicamente che se si vuole tenere la luce accesa sui fatti dell’ economia e dell’ occupazione e generare nuove sinergie bisogna STARE SEMPRE IN MOVIMENTO. Sacrosanto così all’ esponente di NOCERA UMBRA invitato e premiato con una TERZO PREMIO SEZIONE RACCONTI e rimasto sorpreso per la elaborata motivazione della giuria (estrapolando in sintesi credo che il racconto è stato considerato divertente, cinematografico e pertinente per analogia ai luoghi molisani visto il parallelismo tra comuni coinvolti) non resta che ringraziare per la bellissima giornata “di scoperta di mondi alla Tolkien” sindaco e organizzatori-trici. Come evidenziato dal sito del concorso, i premi Hombres sono, dalla sua nascita, ceramiche di CASTELLI in provincia di Teramo, che hanno una tradizione che si appoggia a quattro secoli di storia. Ceramiche diegnate a mano dalla ditta “Arte di Giuseppe Mercante“. Nelle edizioni di Lettopalena e Predappio i premi sono stati realizzati da artisti ed artigiani locali. I premi e le immagini da riprodurre vengono scelte dall’organizzazione insieme all’amministrazione comunale del borgo ospitante. Molise terra di cartoline e di mondi sospesi: se a raccontare questa terra ci fosse qualche sceneggiatore di Blu Notte scriverebbe qualcosa forse come “un luogo dove paesi sembranno appiccicati sulla roccia a mille metri di altezza, con le case che sembrano sospese a due dimensioni direttamente in mezzo alle nuvole. Ma malgrado la loro apparente fragilità quelle case hanno dietro la terza dimensione della roccia, che attinge a una generazione di lavoratori che si porta dietro SOLIDI principi morali e che impedisce a quelle abitazioni di spiccare il volo al primo accenno di tormenta. Ecco il Molise mi sembra un pò così, un popolo di combattenti fragili come le case in balia di forze imponderabili ma anche ricchi di idee e di iniziative COLTURALI e CULTURALI che legano autorità illustri come la Pietravalle al TERRITORIO. Chissà forse il prossimo evento che gli amici di CDG organizzeranno sarà sul mondo del coaching motivazionale e sull’ importanza della RESILIENZA in ottica sopravvivenza. Di sicuro stiamo parlando di luoghi fantastici ma anche di persone locali (e non come la meravigliosa partecipante al concorso proveniente da Pordenone giunta in loco) molto attive sul territorio, Ci sarebbe ancora molto da dire sul perchè questo premio è importante per l’ego condominiale dell’ autore, perchè di fatto Mauro Carpa e Nocera Ombrosa nascono ufficialmente con questo riconoscimento, ma ho come la sensazione che dopo il primo sofferto vagito (non è sempre tutto oro quello che luccica, oltre al bello della diretta durante la premiazione, qualche simpatica anomalia organizzativa tipo andare a cercare le videopoesie da cliccare su un pc che latitavano, il mio navigatore è impazzito a più riprese per raggiungere il luogo della premiazione sia all’ andata che al ritorno e in entrambi i casi in località TERNI, costringendomi a una sfacchinata di proprozioni epiche e a una serie di imprecazioni in aramaico arcaico da paura!) e la luce che irrompe su un personaggio-detective che prima non c’era, ma adesso c’è, succederà di sicuro qualcos’ altro. Ci sarebbe ancora molto da dire ad esempio perchè nei racconti del DRAGO da cui è tratto LA CLEMENZA DEL DRAGO, il filo conduttore che lega il destino comune dei comuni (si può dire?) che vivono in prossimità dell’ APPENNINO, questa incauta creatura simbolica emotivamente furente nascosta sotto ai SIBILLINI che appena muove la coda semina terrore con i suoi fremiti, abbia di fatto generato il racconto premiato. Per esorcizzare la paura? Forse! Per valorizzare la bellezza di queste terre malgrado qualche piccola anomalia imposta dai modelli globalizzati perfettibili di miglioramento? Soprattutto! Per ludico divertimento? Anche!

image_print

Be the first to comment

Leave a Reply